computer    Comments Off

Router: l’indispensabile dispositivo che ci connette alla rete

Router: in un’unica parola e in un solo hardware è racchiusa tutta la base della  nostra vita on line. Senza di esso non c’è connessione a internet di nessun genere  e quindi risulta importante conoscere questa macchina così basilare.

Cos’è un router?

Si tratta di un instradatore (questo è il significato del termine), cioè un dispositivo elettronico che guida i dati attraverso una rete informatica. È un nodo di rete di commutazione e in pratica ha il compito di interfacciare reti diverse che altrimenti non potrebbero essere collegate e lavorare insieme. L’hardware è piuttosto piccolo, a differenza di quello dei suoi nonni che erano grandi come armadi, ha una porta WAN che lo collega al muro grazie ad un cavo e tante porte LAN che permettono connessioni multiple alla rete.

Il router può essere wireless e quindi presentare un’antenna, non necessitando di  fili di collegamento. Per configurare un router bisogna in genere accedere al pannello di controllo e inserire l’indirizzo IP del browser. Per qualsiasi informazione supplementare è comunque sufficiente consultare il manuale che di solito lo accompagna.

Come funziona il router

In genere per quanto riguarda quelli utilizzati in casa, i router non hanno una ma più funzioni. Sono per esempio access point  e contemporaneamente modem (in questo caso si tratta di un modem router) e il loro funzionamento è piuttosto semplice.  Prendono informazioni attraverso la WAN e le smistano agli apparecchi collegati che possono essere, come già detto, più di uno. Un ’altra importante funzione è quella di firewall, per proteggere i propri dispositivi dai dati che in realtà non sono stati sollecitati.

I router collegati tra di loro possono comunicare attraverso il sistema IP e ricevano e inviano pacchetti di dati. Essi possono influire sulla velocità della connessione: se per esempio la  velocità del router è inferiore a quella della linea, essi rallenteranno la trasmissione dei dati, se però sono più veloci, farà comunque fede la  misura del trasferimento di linea.

Proteggere la propria rete con il router

Se all’interno della propria casa c’è una linea wifi, è il caso di provvedere alla sua protezione, quando si applica il router, perché questo tipo di collegamento risulta piuttosto vulnerabile e può essere violato da un malintenzionato.  Per prima cosa è necessario cambiare la password di rete attraverso il pannello di amministrazione del router nella sezione wifi,  e attivare la protezione wpa2 con password lunga e composta la numeri e lettere sia maiuscole che minuscole. Altre precauzioni sono cambiare il nome di rete e aggiungere il controllo mac address per far sì che accetti solo i dispositivi che sarete voi a indicare.

Tra le marche più famose di produttori di router è possibile senza dubbio annoverare Siemens, TP-Link, D-link, Apple, Alcatel e Hewlett-Packard:  a prezzi veramente accessibili tutti possono avere la loro porta sul mondo.

arte e cultura    Comments Off

Liu Bolin: l’artista camaleontico che ha conquistato il mondo

liu bolin pictureBen pochi artisti contemporanei possono vantare l’incredibile seguito che oggi ha Liu Bolin (刘勃麟), l’artista divenuto famoso in tutto il mondo per la sua capacità di mimetizzarsi alla perfezione con l’ambiente circostante, con conseguente produzione di altrettanti incredibili autoritratti fotografici.

Liu Bolin nasce nel 1973 in Cina, nella provincia dello Shandong, e si forma successivamente a Pechino, come studente del noto artista Sui Jianguo presso l’Accademia Centrale delle Belle Arti. Già dopo le prime mostre a Pechino del 1998, l’artista cinese acquisisce una notorietà di tutto rispetto a livello nazionale.

Tutte le opere di Liu Bolin uniscono differenti forme d’arte, elemento evidente in modo particolare nella più famose delle serie dell’artista cinese, la collezione Hiding in the City. Body art, pittura e performance art si coniugano in un ensemble meraviglioso e suggestivo, lasciando alla fotografia la testimonianza finale dell’opera.

Liu Bolin fa dipondere il proprio corpo utilizzando accorgimenti e metodologie del tutto particolari, che gli permettono di camuffarsi e letteralmente scomparire nel luogo in cui si trova, qualunque esso sia. Molti i significati della sua performance art, il più profondo dei quali è probabilmente la perdita d’identità del soggetto rappresentata dalla fusione con il luogo in cui questi è stato. Le persone, insomma, finiscono con l’adattarsi con l’universo che esse stesse hanno provveduto a creare.

Le fotografie e le sculture di Liu Bolin sono oggi mostrate in tutto il mondo: da Pechino a Parigi, da Milano a New York. Il lavoro di Liu Bolin è oggi apprezzato universalmente e l’artista cinese oggi è, di fatto, uno degli artisti più promettenti della scena contemporanea attuale.

Il sito ufficiale dello studio di Liu Bolin è raggiungibile all’indirizzo LiuBolinArt.com. Sul sito del Corriere, articolo Liu Bolin, il camaleonte, è possibile saperne di più sulle opere e sul modus operandi del celebre artista cinese. Si segnala infine Klat Magazine, la rivista online di arte contemporanea, design e architettura di Paolo Priolo, che ospita un’intervista approfondita a Liu Bolin.

Alcune delle performance di Liu Bolin:

bolin immagine 1

bolin immagine 2

bolin immagine 3

Principali performance di Liu Bolin (solo exhibitions):

  • 2013 “Liu Bolin”
  • 2012 “Liu Bolin: Hide in the City”
  • 2011 “Hiding in the City”
  • 2011 “The Invisible Man”
  • 2011 “The Invisible Man”
  • 2011 “The Invisible Man”
  • 2011 “Hiding in Italy”
  • 2010 “Hiding in the City”
  • 2010 “On Fire”
  • 2008 “China Report 2007”
  • 2007 “Sculpture”
  • 2007 “Distortion”
viaggi e voli    Comments Off

Abruzzo: una vacanza per tutti

L’Abruzzo, pur essendo una delle regioni italiane con la superficie meno estesa, è meta ogni anno di centinaia di migliaia di turisti grazie alla sua variegata offerta nel campo turistico.

Con oltre 800 alberghi, quasi un centinaio di campeggi e circa 200 bed and breakfast l’Abruzzo può contare su una rete ricettiva di tutto rispetto, soprattutto considerando il livello qualitativo dell’offerta turistica.

Una delle soluzioni più richieste dai villeggianti è quella dei villaggi turistici: avere una struttura che possa offrire servizi di ogni genere senza doversi spostare dal luogo dove si soggiorna è infatti una delle prerogative più richieste. E’ possibile individuare la struttura che meglio risponde alle proprie esigenze consultando siti specializzati che comprendono al loro interno i migliori villaggi in Abruzzo e ne riportano le principali caratteristiche. Una particolarità interessante è poi quella di poter approfittare di offerte speciali, risparmiando così anche il 30% o 40% rispetto ai prezzi pieni.

Delle 4 province abruzzesi ben 3 si affacciano sul mare (Chieti, Pescara e Teramo). Sui litorali sono concentrate le principali strutture ricettive ma è bene ricordare che anche all’interno della regione sono presenti località montane molto ricercate grazie alla presenza di splendidi massicci montani (Gran Sasso, Maiella) che fanno da cornice alle vacanze dei villeggianti.

Pages:12»